lug 22 2012

facciamo finta di non capire

perché ci si dovrebbe mobilitare contro la chiusura di un ufficio postale, quando non si è fatto nulla contro la chiusura di una scuola materna ?

dall’Arena di oggi

ASPARETTO
Il Comune
si mobilita
per salvare
l´ufficio postale
ASPARETTO
Il Comune si mobilita per salvarel´ufficio postale
L´amministrazione comunale si batterà per evitare la chiusura dell´ufficio postale di Asparetto. Quello attivo nella frazione è infatti uno dei 27 uffici che Poste italiane, alle prese con i tagli legati alla riduzione della spesa, intende dismettere nella provincia di Verona. Il Comune però non ci sta e per questo, domani alle 21 al teatro comunale di Asparetto, ha convocato un´assemblea pubblica con tutti i residenti per illustrare la situazione e le strade che intende intraprendere per salvare lo sportello.
«C´è una convenzione annuale che regola il nostro rapporto con le Poste», spiega il sindaco Paolo Marconcini. «Per quest´anno abbiamo erogato 13mila euro affinché venisse garantito il funzionamento dell´ufficio di Asparetto; perciò intendiamo utilizzare ogni mezzo in nostro possesso affinché l´utenza della frazione non venga privata di questo indispensabile servizio». In pratica, il Comune ha contribuito economicamente per consentire l´attività dell´ufficio, ma evidentemente per Poste italiane la cifra è comunque troppo bassa perché il servizio sia mantenuto. «Ad Asparetto», aggiunge Marconcini, «ci sono circa 800 famiglie e una zona industriale con numerose aziende, che è nostro compito tutelare». Nel caso di chiusura, l´ufficio postale più vicino sarà quello del capoluogo, situato a quasi cinque chilometri di distanza. F.S.
Considerando che per tener aperto l’ufficio postale ad Asparetto il comune di Cerea deve dare 13 mila euro a poste italiane, che probabilmente in futuro ne chiederà di più, l’ufficio postale sotto casa (per famiglie e aziende) può essere considerato un servizio sociale necessario in tempi di vacche magre ?

mar 21 2012

chiarezza

trio

le cose iniziano a farsi chiare

dall’Arena di oggi:

La maggioranza perde l’Udc che sposa il nome di Ferrarese

CEREA VERSO LE ELEZIONI. Dopo l’uscita della Lega, nella coalizione del sindaco, che tenta il bis, rimane soltanto il Pdl. Brendaglia: «Le scelte sulla città non sempre erano prese qui» Marconcini: «Scuse patetiche si è sempre deciso insieme»

qui il link all’articolo completo

A parte il fatto che la maggioranza non perde nulla (almeno quella in carica) dal momento che anche nell’ultimo consiglio comunale, a parte qualche scaramuccia abilmente “agevolata” dal consigliere Spigolon, non ci sono state defezioni. Resta comunque da capire il vero motivo per cui a fronte di un’esperienza amministrativa condivisa fino all’ultimo voto, poi si decida di non appoggiare il sindaco uscente. Chissà se la campagna elettorale saprà rispondere a questa domanda.


dic 17 2011

Ferrarese come Trotsky: cancellato

dall’Arena del 17/12/2011

Il candidato sindaco Andrea Ferrarese oscurato in una foto del calendario «Cerea e la sua gente» patrocinato dall´amministrazione comunale. Una censura che, dal racconto dei protagonisti, sembrerebbe nata da un fraintendimento tra l´assessore Milko Cavaler e lo storico cereano Gianfranco Ziviani.

…..

Una storia quasi incredibile, raccontata dallo stesso Ziviani. «Mi è stato ordinato di rimuovere Ferrarese da una foto perché, essendo un candidato sindaco alle prossime elezioni, non doveva apparire sul calendario per questioni legate alla campagna elettorale». Una motivazione a cui Ziviani ha dato credito. «Ho agito in buona fede», prosegue, «e ho ascoltato le indicazioni. Quella foto la volevo mettere, per l´amicizia che mi lega a Ferrarese»

ferrarese_si ferrarese_no

Noi siamo in grado di darvi la reale versione dei fatti:
dalle foto riportate è evidente come non ci sia nessun ritocco. Si tratta di foto scattate in due momenti distinti.
Nella seconda in particolare è ben visibile la bottiglia d’acqua vuota segno evidente che Andrea Ferrarese si era assentato per andare al bagno.

In realtà quindi si tratta di una intelligente manovra pubblicitaria.
Sembra che per ovviare allo spiacevole equivoco nei prossimi gazebi del movimento che presenta Andrea Ferrarese come candidato sindaco, insieme a brulé, panettoni e rinfresco, verranno distribuite delle immagini adesive da applicare al calendario.


mar 6 2010

quando alla destra togli l’anima liberale cosa resta?

dall’Arena di oggi:

Lorenzetti se ne va in aperta polemica con la maggioranza
Continue reading


dic 8 2009

a valanga

Cerea: si dimette il vicepresidente de La Fabbrica s.r.l.
In poco più di due anni è cambiato completamente il consiglio direttivo.
chi sarà il prossimo?

oggi sull’Arena


nov 15 2009

“i ghe ne fa come nineta”

Sir Joshua REYNOLDS (1723-1792) - Portait of Members of the Society of Dilettanti, 1777-79

Il Comune bocciato sul Pat
CEREA. Il Tar accoglie il ricorso dello studio Asa che aveva perso l’appalto per la realizzazione del piano degli interventi

Continue reading


nov 7 2009

esageratoooooo

il Primo Giornale titola
“L’Affaire Zanetti imbarazza il palazzo”

Enrico Zanetti, consulente del lavoro, per 12 anni è stato il segretario di Forza Italia a Cerea.

Continue reading