che aria tira?

Tanto per tornare su argomenti locali:

leggo sull’arena di oggi un articolo sulla quarta lista “di disturbo” per le prossime elezioni di Legnago.
La lista è Destra Veneta che candiderà Dante Faccenda, il quale dichiara (tra le altre cose) che farà «una campagna elettorale senza sconti nei confronti del centrodestra per evitare che Legnago faccia la triste fine di Bovolone e Cerea».

azz… si è sparsa la voce allora


10 Responses to “che aria tira?”

  • Giorgio Says:

    Non vi sembra strano che la destra anti ebraica sia, di punto in bianco, guardata con simpatia dal centrosinistra legnaghese e cereano?
    Se sono rose… Appassiranno!

  • Andrea Says:

    credo che la destra anti ebraica sia guardata con simpatia da nessuno

  • Matteo Says:

    La domanda non è banale, ma è posta al contrario. Sono le liste di destra che vedono con simpatia le esperienze di liste civiche di Cerea e Legnago.
    Ma non solo loro, altrimenti non si capirebbe perché per due mandati a Legnago (fino ad ora) e per tre a Cerea il consenso sia stato ampio al punto tale da non poter essere frutto di soli elettori di centro sinistra.

    Sinceramente invece, penso che sia un problema interno alla destra italiana oltre che ovviamente legnaghese o cereana.
    Nel senso che, almeno alle elezioni comunali, quando sia possibile appoggiare amministrazioni di centro/sinistra, magari liste civiche che abbiano governato bene, può essere un’opportunità da parte dei più “coerenti” per spaccare la CDL che al suo interno, a mio avviso, mantiene buone fette del retaggio di destra fascista (qualsiasi cosa voglia dire questo termine) , ma che pur di governare si sposta al centro.
    E questo per chi coerentemente ha deciso di rimanere a destra può essere un buon motivo per fargliela pagare, ecco perché ad esempio il voler portar via voti alla CDL con una lista di “disturbo”.

  • Giorgio Says:

    Pare assai oscuro quanto scritto da Matteo.
    E dove si capisce un po’ di più emerge grande contraddizione.
    Come fai a tacciare di fascismo la destra legnaghese o cereana, senza portarne le prove?
    E soprattutto, ammesso (e non concesso) che taluni esponenti del centrodestra si rifacciano al fascismo (a Cerea non di certo, forse a Legnago, ma dimmi tu…) ma come fai condannare questi e ad assolvere invece quelli che strizzano l’occhio al centrosinistra e nemmeno fanno finta di riconoscere il dramma dello sterminio degli ebrei?
    Forse perché giovano alla vostra causa?
    Beh.. Non sarebbe la prima volta. Dopo essersi spartiti la Polonia, Comunisti e Nazisti hanno deciso di spartirsi Legnago.
    De gustibus….

  • Matteo Says:

    Innanzitutto la mia non è un’accusa e quindi non vedo perché dovrei portare delle prove, secondo non condanno nessuno (ci mancherebbe) ognuno è libero di pensarla come vuole.
    Ho solo fatto una mia personalissima analisi del perché un esponente della destra a Legnago veda di buon occhio una lista civica di centro sinistra piuttosto che una lista di centro destra a cui dovrebbe più logicamente guardare.
    Tra parentesi la destra a Legnago corre da sola, quindi non credo si spartisca niente.

    L’ultima frase poi, scusami, non è nemmeno da commentare.

    ps
    a titolo informativo, in Italia le leggi razziali le hanno firmate i fascisti non i comunisti.

  • Giorgio Says:

    I comunisti, in Italia, non hanno avuto bisogno di leggi per sterminare centinaia e centinaia di mamme, bambini e anziani, nel dopoguerra.

  • Matteo Says:

    Giorgio, tu si che hai le idee chiare!

  • Ki-Adi-Mundi Says:

    a mio insindacabile giudizio
    “Giorgio si è rivelato un troll provocatore, quindi i suoi commenti sono stati eliminati”

  • Paolo Longhi Says:

    Ciao Matteo, stavo cercando spunti per le prossime elezioni e mi sono imbattuto nel tuo bel sito.
    Intanto complimenti per la passione civica e politica che non è venuta meno malgrado le ultime non troppo fortunate elezioni.
    Una mia modesta opinione: non filosofeggiamo troppo su ispirazioni ontologiche di quella o questa lista che poi tanto, alla fine, stringi stringi, si tratta sempre di brava gente che, male o bene, tenta di darsi da fare per avere un posticino al sole nel gramo mondo del vlontariato politico. Nel caso specifico, Dante è un’ottima persona che tenta di farsi spazio screditando il centrodestra ufficiale.
    E fa il suo mestiere come io faccio il mio.
    Ciao e in bocca al lupo.

  • Matteo Says:

    Ciao Paolo e benvenuto.