fendenti


dagli articoli apparsi sul giornale l’Arena sembra che, esattamente a metà mandato, la LN di Cerea sia tentata di mettere alla prova la tenuta della maggioranza.


La mancata partecipazione all’inaugurazione della nuova asfaltatura di via Paride dei consiglieri della LN (nulla si sa della decisione dell’assessore che evidentemente per dovere istituzionale non è mancata alla cerimonia) ha sancito il malessere che da qualche tempo serpeggia (desideravo da tempo usare questo termine) all’interno della maggioranza.
La conferma si è avuta quando, qualche giorno dopo, l’altra metà del governo cittadino ha dato alle stampe (anche questo era un termine che desideravo usare da tempo) una dichiarazione con la quale si dava un ultimatum ai dissidenti.
«Decidete con chi stare, poiché non accetteremo ulteriori attacchi e posizioni ambigue»

Quel “decidete con chi stare” si presta a facili fraintendimenti.
A mio avviso la LN non sta proprio con nessuno, ma rivendica a gran voce interventi che nella scorsa campagna elettorale hanno portato alla vittoria la CDL e che probabilmente al prossimo giro porteranno alla vittoria la LN da sola.

Non entro nel merito delle richieste presentate dalla LN, ma certo è imbarazzante che a Cerea, dove alle scorse politiche la LN ha preso oltre il 40% dei voti, l’attuale PDL faccia il bello e cattivo tempo relegando il partito di Bossi ad un ruolo da comparsa.
E altrettanto imbarazzante è che questa amministrazione utilizzi i giornali (e non è la prima volta) per chiarimenti politici, che dovrebbero essere risolti nelle opportune sedi istituzionali; come in un “gruppo di governo” che si rispetti.
Ma temo, come sono ormai stanco di ripetere, che questa amministrazione sia una sorta di partitocrazia decentrata, che purtroppo finisce per mettere gli interessi dei cittadini, in fondo alle sue priorità.


Comments are closed.