ott 10 2012

consiglio comunale urgente

… per sventare l’ipotesi di accorpamento del comune di Cerea con la provincia di Rovigo, evitando in questo modo che la stessa non venga soppressa a causa del riordino delle province dovute alla normativa sulla spending review…

a mio avviso si è trattato di una perdita di tempo a livello locale su una bufala regionale in seguito a decisioni  (o non decisioni) a livello nazionale.

Il mio pensiero è chiaro da tempo:
ridisegno delle aree provinciali con raggruppamento amministrativo dei comuni sotto i 15 mila abitanti e l’abolizione delle regioni.
I servizi si possono portare sul territorio attraverso uffici decentrati fino a quando non sarà possibile una capillare diffusione dei servizi on line.

Continuerei poi con il limite di due mandati nelle cariche elettive e l’azzeramento del finanziamento pubblico ai partiti.

io comunque vedrei bene un ridisegno delle aree provinciali, un raggruppamento amministrativo dei comuni (sarebbe già sufficiente un minimo di 15 mila abitanti) e l’abolizione delle regioni.
I servizi si possono portare sul territorio attraverso uffici decentrati fino a quando non sarà possibile una capillare diffusione dei servizi on io comunque vedrei bene un ridisegno delle aree provinciali, un raggruppamento amministrativo dei comuni (sarebbe già sufficiente un minimo di 15 mila abitanti) e l’abolizione delle regioni.
I servizi si possono portare sul territorio attraverso uffici decentrati fino a quando non sarà possibile una capillare diffusione dei servizi on line

set 10 2009

filiera corta

Leggo con sommo dispiacere (e non sto scherzando) sul Primo Giornale arrivato oggi, che la provincia ha detto no al progetto di recupero del palazzo Bresciani.
Mi sembra sia la seconda volta che l’amministrazione Marconcini ci prova a chiedere finanziamenti per recuperare l’ex scuola materna, ma evidentemente la fila è lunga fuori dalla porta degli enti “superiori” e Cerea non è certamente in prima fila.

ps
sembrava facile eh?


dic 6 2008

illusioni

Leggo sull’arena di oggi

Continue reading


giu 16 2008

è tutto un magna magna

portaborse

Giancarlo Galan ha sbattuto la porta («vergogna!»)